Twin Peaks: un capolavoro senza tempo

Cosa ha reso Twin Peaks una serie cult?

Questa è una delle domande che tante volte mi pongo prima di andare a dormire. Guardandola ora si sente il passare del tempo sul telefilm (neanche tanto) , ma si può dire che invecchia molto bene. Ovviamente ho cercato di darmi anche delle risposte che proverò a spiegare in più punti.

Twin Peaks by Gabriel Hardman

La Storia

Quella che potrebbe sembrare la classica trama Omicidio-Assassino, da subito lascia a intendere che c’è dell’altro. Dopo un pò di minuti passati in compagnia degli attori infatti, si capisce che un omicidio a Twin Peaks è qualcosa di insolito. Tutti gli abitanti si conoscono e sanno tutti i segreti, tanto che la serie è conosciuta come “I segreti di Twin Peaks. Dopo una premessa del genere, ad ogni puntata cresce il desiderio di scoprire “Chi ha ucciso Laura Palmer”, e tra mille ipotesi e congetture, quando viene rivelato l’assassino sarete spiazzati completamente.

I personaggi

I protagonisti creati da Lynch sono quanto di più bizzarro visto in una serie televisiva. Dopo quasi 25 anni di televisione sfido a trovare dei personaggi così strani tutti insieme. La donna ceppo, il nano che balla, Bob, il gigante, la cugina di Laura Palmer e lo stesso Dale Cooper oscillano tra il ” Ma che cosa sto guardando” e “la migliore serie di sempre”.

Il soprannaturale

Non viene nascosto che in Twin Peaks esiste il soprannaturale. Nell’episodio italiano Lo Zen, oppure l’abilità di catturare un killer, ci vengono mostrati quelli che sono i “poteri” dell’agente Cooper. Con questo espediente ci vengono fornite quasi tutte le spiegazioni ai tantissimi segreti di Twin Peaks.

I gufi Twin Peaks

I sogni onirici

Abbiamo parlato del nano che balla e di cosa sia capace Dale Cooper. Ora è il momento di provare a spiegare i sogni dell’agente dell’FBI. Per lui questi erano premonizioni, ma ovviamente non erano chiari e limpidi. La maggior parte delle volte erano torbidi ed angoscianti, mostrati sotto forma di enigmi da risolvere. Avete presente quando sognate una persona che conoscete perfettamente, ma il suo viso è diverso? Ecco questo è  come vengono raccontati i sogni di da David Lynch. La Black Lodge avrebbe bisogno di un paragrafo a parte, ma farei fatica ad esprimere un concetto chiaro.

L’atmosfera

Twin Peaks è una tipica cittadina sperduta tra le montagne, avvolta solamente da boschi e corsi d’acqua. Si ha l’impressione che una volta arrivati non si possa più scappare , un po come accade a Silent Hill. In sottofondo vi è la continua presenza del rumore del vento, degli alberi che si muovono e si ha la sensazione di  una presenza costante che osserva tutti ci accompagna dall’inizio alla fine.

La poesia

« Nell’oscurità di un futuro passato, il mago desidera vedere.
Un uomo canta una canzone tra questo mondo e l’altro.
Fuoco, cammina con me »

O parlando ancora della Loggia Nera: 

« Un posto di potere quasi inimmaginabile, pieno di forze oscure e segreti maligni. Nessuna preghiera osa entrare in questo luogo spaventoso. Gli spiriti non badano alle invocazioni religiose. Possono strapparti la carne dalle ossa o salutarti allegramente. E se vengono imbrigliati, gli spiriti di questa terra nascosta di urla soffocate e cuori spezzati offrono un potere così vasto che chi lo detiene potrebbe riordinare la terra a suo piacimento. »

Basta no?

Nano che balla Twin Peaks

La colonna sonora

Le musiche pop composte da Angelo Badalamenti sono fantastiche, calzano a pennello con il ritmo della serie, e creano la giusta suspance nelle scene più concitate.

La intro del telefilm poi, è diventata storia..

25 anni dopo 

Come molti di voi sapranno, in un sogno viene sussurrato all’orecchio all’agente Cooper, che le sue gomme da masticare sarebbero tornate di moda, precisamente tra 25 anni  (credo). I fan sanno che a brevissimo uscirà la terza stagione ambientata appunto dopo questo lasso di tempo, ma che è avvolta nel mistero.

Twin Peaks 3

Questi sono i motivi per cui amo così tanto questa serie televisiva, e credo che la maggior parte dei fan la pensino come me.

Se invece non l’avete ancora vista, correte a vederla.

Diane

Quasi dimenticavo, chi è Diane?

One Comment Add yours

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *